Play&Circle – installazione sull’economia circolare

Play&Circle è l’installazione ludica sull’economia circolare de ilVespaio. Si tratta di una pista gioco a forma di simbolo dell’infinito, realizzata in cartone ondulato. In particolare, rappresenta il ciclo di vita di una confezione di spaghetti, di una maglietta o di qualunque altro prodotto. Racconta inoltre attraverso il gioco consumo idrico, consumo di risorse e produzione di rifiuti/sprechi della filiera. Lungo il percorso i giocatori devono muovere dei tappi di plastica, come si fa con le biglie. Superando ostacoli e rispondendo a quiz si comprende l’impatto ambientale e lo spreco di risorse delle proprie scelte. ilVespaio ha presentato Play&Circle al Salone della CSR. Play&Circel è un’installazione sull’economia circolare adatta a percorsi didattici nelle scuole o eventi per adulti e bambini.

Brescia al futuro – murale con pitture fotocatalitiche

ilVespaio ha realizzato un murale con la pitture fotocatalitiche Airlite all’interno della Centrale termoelettrica di Lamarmora a Brescia per A2A. Un grande cuore che abbraccia idealmente tutta la città di Brescia, portando calore ai cittadini. Il murale inoltre è stato completato da duecento ragazzi delle scuole superiori di Brescia che hanno aggiunto i loro pensieri sul futuro di Brescia. L’opera è stato inaugurato durante l’open day della Centrale, giornata in cui A2A ha presentato il progetto di decarbonizzazione e un piano di investimenti da 70 milioni di euro

Ciao sono io

Ciao sono io è un progetto di Azienda Socio Sanitaria Territoriale Pini-CTO con ilVespaio e Associazione Veronica Sacchi per animare il reparto di pediatria dell’Ospedale Gaetano Pini di Milano, finanziato da Fondazione Cariplo. Il progetto si sviluppa nel 2018 e prevede attività creative per offrire un evento eccezionale, ogni settimana, ai bambini e ragazzi dai 4 a 16 anni, degenti presso la Pediatria. Il progetto rientra in un ampio disegno di miglioramento dell’intero reparto, interessato da lavori strutturali nel 2018-2020.

Affrontare un’operazione chirurgica, iniziare un percorso terapeutico, assumere medicine e curare medicazioni possono dimostrarsi esperienze traumatizzanti che spesso suscitano paura, tristezza, dolore, rabbia e disgusto, noia, sia nei bambini sia nei genitori. L’obiettivo di “Ciao sono io” è l’inserimento di altre emozioni nell’esperienza ospedaliera: curiosità, sorpresa, gioia, emozioni di benessere e gradevolezza che possono accompagnare anche ad una migliore riuscita delle cure, soprattutto per quei bambini che affrontano cronicità o percorsi lunghi, come i malati reumatici o i bambini affetti da acondroplasia. Grazie alle esperienze ludiche e evasive di “Ciao sono io”, l’ospedale diventa, oltre che luogo per la cura, un luogo di ispirazione, attraverso il coinvolgimento e la partecipazione.

ilVespaio propone ogni due settimane laboratori creativi, della durata di due ore. Coordinati da designer, makers, grafici, artisti e studenti, tema comune sarà la creazione di una “collezione di autoritratti” su sagome stilizzate in cartone. I giovani pazienti adotteranno Silù, la sagoma di cartone, che personalizzeranno per rappresentare loro stessi, le loro passioni e interessi.
Durante i laboratori saranno proposte diverse tecniche per decorare le sagome: tempere ad acqua, collage, incollaggio di vari materiali e scarti di produzione, tessuti e altro ancora. Le attività si svolgeranno in spazi comuni o, in caso di pazienti impossibilitati a muoversi, nelle stanze del reparto.
I laboratori saranno tenuti da professionisti con competenze diverse, selezionati in modo da garantire esperienze sempre nuove e risultati eterogenei e sorprendenti. I designer decideranno autonomamente attrezzatura e materiali: legno e strumenti da falegname, tessuti e macchine per cucire, circuiti elettrici e stampanti 3D. Le attività saranno pensate sia per i bambini più piccoli, sia per gli adolescenti e i pre-adolescenti, che solitamente sono “costretti” a partecipare ad attività adatte a bambini piccoli.
Sono previsti circa 30 laboratori, tra febbraio e novembre 2018.

La collezione di sagome, insieme alle storie di presentazione dei bambini che parteciperanno al progetto sarà esposta a fine 2018 presso una prestigiosa sede espositiva di Milano.